Vuillier Gaston – La danse

150,00

  • Tipografo: Fratelli Treves
  • Luogo di Stampa: Milano
  • Data di Stampa: 1876
COD: 859 Categoria: Tag: , , Product ID: 3861

Descrizione

Paris, Hachette, 1898.
In-4°, pp. (4), VIII, 390, (1). Attraente legatura dei primi decenni del ‘900 in p. pelle blu marina con titolo in oro con decori floreali intrecciati ad esso impressi in rosso e serto floreale in oro e in rosso attorno al quale sono incrociati uno strumento ad archi ed un archetto impressi in oro. Titolo e vignetta con strumenti musicali in oro e in rosso al dorso. La vignetta del piatto anteriore è replicata a secco al piatto di tergo. Tagli dorati, sguardie elegantemente decorate in verde ed in rosso su fondo rosa con decori a soggetto musicale, fitomorfo e floreale. Piccola vignetta al frontespizio. Numerosissime illustrazioni in b.n. n.t. e f.t., di cui una all’antiporta (le incisioni sono tratte da artisti come A. Morot, G. Moreau, Carpeaux, Clouet, Watteau, Lancret, Debucourted, etc.) ed esempi di notazione musicale di antiche danze incorniciati da bordure figurate. Ottimo esemplare esente da difetti, impresso su carta patinata.
Prima edizione di questa fortunata monografia sulla danza nei vari paesi e nei vari secoli. Partendo dalla danza presso i popoli antichi (danze sacre egizie e greche, danze pirriche, baccanali, mimi, danze spagnole primitive, etc.) il Vuillier risale al Medioevo, al Rinascimento e al principio delle grandi coreografie, alla danza sotto Luigi XIV e Luigi XV, alle grandi ballerine come Maria Taglioni, alle danze campestri, al valzer e alla polka, al fandango e al bolero, etc., abbracciando nella sua trattazione anche le scenografie per balletto, come quelle del Sanquirico. Nell’opera non mancano cenni sulle danze orientali ed africane.
Il Vuillier (Perpignan, 1845-Gimel, 1915), pittore e disegnatore, intraprese gli studi artistici nella città natale. Allievo di Emmanuel Lansyer, raggiunse la notorietà nel 1878, esponendo i suoi quadri a Parigi. Svolse un’intensa attività di pubblicista, collaborando all’illustrazione di numerose pubblicazioni periodiche e, a partire dal 1888, viaggiò nelle isole del Mediterraneo occidentale, riportando le proprie impressioni ne Les Iles oubliees. Les Baleares, la Corse et la Sardaigne e ne La Sicile: impressions du present et du passé. In seguito continuò a dipingere e a scrivere, pubblicando, fra l’altro, nel 1899, il volume Plaisirs et jeux.
Derra de Moroda, 2577. Magriel, 35. Leslie, 551


I libri antichi in questo sito sono una selezione dal nostro stock. Visiona il nostro intero archivio