Ars magna lucis et umbrae. In decem libros digesta. Quibus admirandae lucis et umbrae in mundo, atqu

8.500,00

  • Tipografo: Hermann Scheus ex typographia Ludovici Grignani
  • Luogo di Stampa: roma
  • Data di Stampa: 1646
COD: 434 Categoria: Tag: , , Autore: Product ID: 1273

Descrizione

In f° (30,6 x 20,2). Pp. (40), 935, (15). Con magnifica antiporta incisa su rame da Pierre Miotte; 38 tavv. f.t. anch’esse incise e numerose figure e diagrammi nel testo. Bel ritratto dell’A. inciso su rame non pertinente al volume, applicato in una porzione bianca al principio del testo. Ex-libris inciso datato 1654 “Antonius Bidermann” al verso dell’antiporta. Il verso del frontespizio e di tutte le tavole fuori testo recano il timbro della Hofbibliothek di Donaueschingen, venduta negli anni Ottanta del Novecento. Fresco esemplare con una leggera macchia al margine superiore bianco dell’ultima parte del volume. Legatura piena pergamena con materiale antico (un abile remboitage), titolo su tassello al dorso. Prima edizione del più acuto trattato del grande scienziato gesuita, basato sulle intuizioni di Keplero e Scheiner sulle teorie ottiche. In particolare Kircher descrive il fenomeno della rifrazione dei colori e delle proprietà della luce solare. Celebre la sua intuizione delle caratteristiche della camera oscura, che colloca questo trattato tra i precursori dell’arte e della tecnica fotografica. Un’esaustiva disamina di questa e dell’intera opera dello scienziato gesuita in Eugenio Lo Sardo (a cura di), Athanasius Kircher, Il museo del mondo, Roma 2001. MERRILL, n. 7. CAILLET, n. 5770; SOMMERVOGEL, IV, 1050; NORMAN, 1216; WELLCOME, III, 394. Linda Hall Library, Jesuit Science in the Age of Galileo, 10.


I libri antichi in questo sito sono una selezione dal nostro stock. Visiona il nostro intero archivio